Il giorno della coscienza nera in Brasile

È stato nel 2003 che il 20 novembre è diventato il giorno della coscienza nera in Brasile, una data che sottolinea l’importanza di includere la popolazionə nerə nella società in modo equo. Il giorno prescelto è stata la morte di Zumbi dos Palmares, uno dei nomi che più hanno combattuto per la fine della schiavitù in Brasile.

Riconosco che è molto importante avere una data di questa portata qui in Brasile, perché la maggior parte della nostra popolazionə è nerə e/o mistə. Ma insieme a questi dati, ci sono anche casi di razzismo e morte di personə di colorə in tutto il Paese.

Zumbi_dos_palmares
Zumbi dos Palmares, uno dei leader nella lotta per la fine della schiavitù il giorno della coscienza nera è la stessa data della sua morte

Nel 2020, la giornata è diventata ancora più forte perché alla vigilia del giorno della coscienza nera, la giornata è stata segnata dalla morte di João Alberto Dias. Il ragazzo è stato picchiato dalle guardie giurate al mercato Carrefour di Porto Alegre, città nel sud del Brasile. Oggi, a distanza di un anno, è ancora possibile vedere che una vita da nerə non vale come una bianca per alcunə personə.

 

Razzismo in Brasile: brutalità della polizia

È molto comune vedere agenti di polizia agire in modo diverso quando si avvicinano alla popolazione delle periferie brasilianə, ancora di più quando sono personə di colorə. Sono rimasta sorpresa di vedere un video di allenamento della polizia militare di Brasilia in un quartiere di lusso della città, perché non assomigliava a quello che vedo normalmente. 

Per moltə brasilianə nerə è molto rischioso uscire senza documenti e fare attenzione anche agli oggetti che trasportano. Dopotutto, qui la polizia ha scambiato un ombrello per un fucile. E molti non sono nemmeno al sicuro in questo modo di agire a casa, ho perso il conto di quantə vitə sono state prese da “proiettili vaganti” nelle comunità di tutto il Brasile.

 

Razzismo strutturale

Ricordo la confusione che ho provato quando ho sentito per la prima volta il termine “proiettili vaganti”, mi sono chiesta, da bambina, come si perde un proiettile? Oggi so che la risposta è una: nelle comunità periferichə brasilianə è raro vedere la polizia sparare con cura per non ferire gli altri.

Tutto ciò che sperimentiamo oggi è ancora un riflesso della fine tardiva e non supportata della schiavitù per la popolazionə nerə. Dopo anni di lotta per la libertà, i nerə che vivevano qui in Brasile si sono trovatə liberə, ma indifesə e senza casa. Fu da lì che iniziarono a emergere quelle che oggi chiamiamo “favelas” brasilianə.

C’è chi dice che in Brasile non c’è razzismo, forse quellə personə è molto ottimistə o semplicemente non vede i casi. Sì, siamo un paese molto eterogeneo, ma vediamo ancora avvocatesse essere ritirate da un negozio semplicemente perché nere. Vediamo molte personə di colorə che vengono insultatə, sminuitə e che lottano il doppio per fare carriera nella società.

 

Il lato buono della medaglia

Se nel XIX secolo la popolazionə nerə ha combattuto per la libertà, oggi non sarebbe diverso, è tempo di tacere di fronte alle ingiustizie e ai casi di razzismo. La legge è dalla nostra parte, perché il razzismo è un crimine che qui non si salva, e ci sono politiche pubbliche di riparazione storica, come nel caso del sistema delle quotə universitariə. Che è diventata la porta per moltə giovanə nerə nel mondo accademico brasiliano.

Anche con passi lenti, sono abbastanza ottimista da credere che il Brasile possa davvero essere un paese senza razzismo. La nostra popolazionə è ampiamente rappresentata nel mondo artistico, che diventa fonte di ispirazione per molti giovani.

razzismo-in-brasile
Manifestazione contro il razzismo in Brasile

Condividerò anche una canzone che ascolto sempre nel giorno della coscienza nera: Mandume, del rapper Emicida. Questa canzone mostra molto quello spirito combattivo che portiamo nel vedere più neri occupare spazi sempre più importanti in Brasile. ✊🏽✊🏾✊🏿

 

https://www.youtube.com/watch?v=mC_vrzqYfQc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *