nomi unisex
0 4 minuti 4 mesi

Il momento più critico prima della nascita di unə bambinə è la scelta del nome da attribuire. Nella maggior parte dei casi vengono scelti nomi sulla base del sesso dellə nasciturə, è vero però che esiste anche una percentuale – minore – della popolazione con un nome unisex.

Servono più nomi unisex, quelli di origine italiana sono davvero pochi

Poter scegliere un nome unisex fra quelli italiani non è molto semplice, in quanto non vi è una vasta scelta rispetto ai nomi che potremmo pensare in relazione al sesso maschile e/o femminile. Considerando quanto detto, è chiaro che la scelta da parte di un genitore o tutore ricadrà su un nome prettamente maschile o femminile e – soltanto in pochi casi – su un nome neutro. Occorrerebbe ampliare la lista di nomi unisex così da non dover ricorrere necessariamente ai soliti cinque nomi e rischiare di chiamarci tutti allo stesso modo. Tra l’altro, all’estero i nomi unisex sono molti di più rispetto a quelli che abbiamo a disposizione in Italia.

Alcuni nomi li conosciamo già, altri invece sono meno utilizzati e in italiano vengono per lo più attribuiti – per consuetudine – al sesso maschile piuttosto che a quello femminile. Andrea è sicuramente il nome italiano più utilizzato, ma non è sempre stato così semplice attribuire tale nome ad una figlia di sesso femminile. Infatti, in passato, il nome Andrea in questo caso doveva essere affiancato necessariamente da un nome marcatamente femminile. Comprendere il non-binarismo di genere è il primo passo fondamentale per mettere in atto sostanziali modifiche – burocratiche e sociali –  quando si parla di nomi unisex.

Perché è importante avere un nome neutro fin dalla nascita

Le persone non binary italiane lo sanno, è tutta questione di una burocrazia infinita. Chi vuole cambiare il proprio nome anagrafico deve ricorrere ad un atto amministrativo e scegliere finalmente il nome che più desidera per se stessə. Il regolamento per la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile (DPR 396 del 3/11/2000 modificato dal DPR n.54/2012) disciplina il cambio di nome in Italia. Per poter cambiare nome (o anche cognome) occorre rivolgersi alla Prefettura del proprio comune e compilare un modulo di richiesta. Sarà il Prefetto a decidere se la richiesta può essere accettata, e quindi la persona avrà diritto al cambio nome, oppure verrà rifiutata. In sostanza, cambiare nome non solo è una pratica che richiede tempo, ma in più non è per tutti!

L’anagrafe accetta raramente i nomi abbreviati come Roby, Vale, Lory e altri. Sarebbe, quindi, opportuno avere una scelta più ampia di nomi neutri, così come la possibilità di cambiare il proprio con più facilità. Forse scegliere nomi stranieri come Cameron, Leslie o Andy può andar bene? La risposta, purtroppo, è negativa. Anche i nomi stranieri potrebbero non essere accettati dalla Prefettura. Cambiare nome è quindi più difficile di un terno al Lotto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.